Il DIABETE, luci e ombre

L’indagine realizzata da DoxaPharma su un campione di duemila individui rappresentativi  della popolazione maggiorenne italiana (oltre 150 diabetici), mostra quanto sia sottovalutata questa malattia da chi non ne è coinvolto.

La voce di chi non è coinvolto direttamente da questa malattia:

NON comporta continue rinunce47%

NON porta a sacrifici alimentari55%

NON credo possa impattare sul lavoro63%

NON penso possa rovinare le feste71%

NON penso imbarazzi misurarsi la glicemia in pubblico55%

Ancora oggi risulta basso il livello di conoscenza rispetto alle cause della malattia: mentre il 70% della popolazione ritiene che sia una patologia ereditaria,  1 intervistato su 2 è convinto, erroneamente, che il diabete derivi dal mangiare troppi dolci

È una malattia con cui è difficile convivere e che ha forti ripercussioni sulla qualità di vita dei pazienti: il tasso di incidenza  sulla popolazione italiana della depressione è  1 a 10  rispetto a  1 paziente diabetico su 4.

Molto arduo è anche il rapporto con l’esterno e impattante il senso di vergogna nel mostrarsi nella propria condizione di malato.

2 pazienti su 5 affermano di sentirsi imbarazzati rispetto alla propria condizione.

Ma se da un lato il diabete è una condizione in cui il vissuto emotivo è tratteggiato da rilevanti difficoltà, dall’altro risulterebbe basso il grado di consapevolezza rispetto alla malattia: un dato su tutti,  1 paziente su 4 non è aderente ai trattamenti.

Foto CMSP/Custom Medical Stock Photo/gettyimages

Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone